Articolo 6 - Marco Tosi Photography

Vai ai contenuti
Editoriali > Pubblicazioni
Eccoci di nuovo qui a chiacchierare di tecnica fotografica e di approccio alla naturalistica, questo mese continuiamo ad entrare nel vivo dello scatto dando nozioni tecniche di impostazioni sulla reflex.
Esposizione, tempi, diaframmi, ISO tutte nozioni importanti per affrontare al meglio il nostro soggetto. Questo mese ho scelto il Merlo Acquaiolo, per avvistarlo è necessario camminare lungo le rive dei torrenti alpini, suo habitat e territorio di caccia. Abile nel volo e nel nuoto controcorrente risale i torrenti alla ricerca di larve d’insetto. Nella foto 1 vedete un bell’esemplare con preda, per ottenere scatti così, che congelano il momento, le impostazioni da tenere sulla vostra reflex, oltre alle tecniche di avvicinamento, sono le seguenti: tempo 1/640 sec, diaframma f 4.5, ISO 320, esposizione media ponderata centrale.
Se analizziamo il tempo di scatto capiremo che è necessario un tempo molto breve per congelare il momento ed avere tutto ben definito sul soggetto. Tempistiche adatte per soggetti statici che rendiamo dinamici rispettando le regole di inquadratura descritte nei mesi scorsi.
Nel secondo scatto, foto 2, invece vediamo un bella foto ambientata necessaria a comprendere e descrivere il suo habitat, ricordo sempre che una fotografia non è solo un immagine rubata, ma come dice l’etimologia della parola significa scrivere con la luce e quindi un immagine deve raccontare del soggetto. I tempi di scatto sono stati i seguenti: 1/500 sec, f4.5, ISO 250, focale 300mm ed esposizione valutata nello stesso modo alla precedente.
FOTO 1 - Merlo acquaiolo con preda
FOTO 2 - Merlo Acquaiolo ambienato
Copyright Marco Tosi © - Tutti i diritti sono riservati - All right reserved
Marco Tosi Fotografo - Arona (NO) - P.IVA 02438240034 - e-mail: marco@marcotosi.net - Tel. 349.6618852
Torna ai contenuti